• Dietro le quinte, Ispirazione

    The Love Affair: i matrimoni di domani

    So che ne hanno parlato in tanti e che sono già passati diversi mesi dalla sua terza edizione, ma ci tenevo a dirvi anche la mia sull’unico appuntamento dedicato ai futuri sposi che valga la pena di vedere.

    The love Affair, nata dalla mente illuminata di Sofia Barozzi de Il Profumo dei Fiori e Cristina Di Giovanna, wedding designer di Le Jour du Oui, potrebbe essere riassunta semplicemente con le parole usate per il payoff che recita “INTO THE TRENDS, BRAKING THE RULES”.

    The Love Affair porta ogni anno una ventata di aria fresca, ci racconta le nuove tendenze e rompe le regole selezionando abilmente e presentando con stile ed originalità alcuni tra i migliori fornitori del mondo wedding.

    Ogni anno la fiera viene allestita in una location industriale (prima la Galvanotecnica Bugatti, poi le Officine del Volo) e viene dato un tema da seguire per allestire il proprio angolo all’interno della manifestazione.
    Gli espositori passano una selezione (non vale il “chi paga, espone!”) e troverete principalmente fornitori originali e fuori dagli schemi. Fotografi, wedding planner, catering e sartorie si distinguono perché presentano i loro servizi o prodotti con uno stile fresco ed originale che difficilmente troverete ad altre fiere di settore nelle vostre città.

    Biscotti personalizzati, bouquet con fiori di carta, bustine di semi come bomboniera, veri e propri illustratori che realizzano partecipazioni di nozze, copricapi originali per la sposa in carta, stoffa o ceramica (ah, vi avessi conosciuto prima!), food truck, scarpe da sposa glitterate, furgoncini wolsksvagen come photoboot e ancora fedi originali realizzate a mano: tutto questo, insieme, lo trovate solo a The Love Affair, a Milano.

    Queste sono solo alcune delle bellissime realizzazioni che è possibile trovare a TLA (abbreviazione usata dagli addetti ai lavori) e ce ne saranno sempre di nuove, perché continua a stupire, anno dopo anno. Nell’ultima edizione 2017 la cosa che mi ha colpito sono stati i diversi e numerosi fornitori nel campo delle stationery per le nozze (coordinato grafico dalla partecipazione al cake topper), ma ognuno con la sua particolarità.

    Ogni espositore meriterebbe una presentazione e una scheda a sé, ma sarebbe davvero troppo lungo. Ma se non avete avuto la possibilità di fare un salto a Milano a novembre, nel sito trovate la lista degli espositori di quest’anno, uno più interessante dell’altro.

    Quello che vorrei lasciarvi io sono 5 buoni motivi perché non potete perdervi TLA:

    1. Ha un’atmosfera rilassata
    2. Piace anche agli uomini
    3. Vi farà scoprire professionisti e realtà che – anche se non faranno al caso vostro – vi rimarranno nel cuore (ricordo la prima volta che incontrai Claudia di Mondo Mombo)
    4. Presenta sempre qualcosa di nuovo, non annoia mai
    5. Non c’è competitività tra fornitori: c’è un bel clima di condivisione e scambio di idee

    Nel sito è possibile rifarsi gli occhi con le foto delle bellissime passate edizioni, mentre aspettiamo, impazienti, le date per la prossima edizione del 2018.

    Vi state chiedendo cosa manca a The Love Affair? Niente.

    Ce ne vorrebbero solo di più!

    Organizzatori delle fiere di settore, prendete esempio!

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato su tutte le notizie di Chapeau